Prassi musicale e Metodo Feldenkrais®

“Fare musica è un atto complesso che richiede l’essere umano presente, integro, maturo, libero. Si tratta di un processo che coinvolge la totale partecipazione dell’artista (animo, corpo e mente). A causa di sofisticati meccanismi e abitudini che si instaurano durante la fase di apprendimento questo atto porta spesso con sé tensioni fisiche, emotive e mentali che impediscono un accesso diretto ed organico al contenuto musicale. Il Metodo Feldenkrais®, attraverso un affascinante e profondo lavoro di consapevolezza corporea favorisce una maggiore unità fra corpo e mente rendendo l’approccio alla musica più semplice, spontaneo e creativo. Durante le lezioni i partecipanti vengono guidati dall’insegnante in modo gentile attraverso una sequenza di movimenti che mirano costantemente alla riduzione degli sforzi e della fatica. Un po’ alla volta l’allievo arricchirà la conoscenza di riappropriandosi di nuovi moduli di auto-immagine e sviluppando una sempre maggiore capacità di differenziazione e sensibilità verso se stesso. Alcuni fra i benefici sentiti dai musicisti che praticano il metodo: fioritura del proprio potenziale, maggior agio nel risolvere i più difficili passaggi tecnici, postura efficace e modulabile in base alle circostanze, fiducia nelle proprie capacità, flessibilità fisica e duttilità mentale, libertà interiore, indipendenza, inventiva e creatività durante le ore di pratica musicale.”

Antonia Sfrangeu, insegnante Feldenkrais e pianista professionista, Centro Studi Ars et Labor, Varese e Perugia

Lascia un commento