Come si svolge una lezione di gruppo di Consapevolezza attraverso il movimento?

L’insegnante inizia una lezione chiedendo di osservare e sentire come il corpo giace sul pavimento e di sentire, ad esempio, com’è in contatto con il suolo, dove pesa di più, come percepisce il tronco, gli arti, ecc. Lo studente prende per così dire una fotografia iniziale delle proprie sensazioni e organizzazione motoria, che cambieranno nel corso della lezione, e che a fine lezione permetteranno di diventare consapevoli di cosa è stato modificato.
Dopo questa fase iniziale, l’insegnante propone delle sequenze di movimento basate sul tema funzionale della lezione. Gli allievi le esplorano facendo attenzione a come le eseguono, a cosa sentono, a come il movimento viene percepito nel corpo. In questo modo, lo studente diventa presente e attento a sé stesso.
In genere viene richiesto di eseguire i movimenti lentamente e senza sforzo, perché questo amplifica le sensazioni. Alcune lezioni includono movimenti molto dinamici.
Le esplorazioni, la sperimentazione di alternative, la consapevolezza del corpo in movimento, l’attenzione ai dettagli stimolano il cervello e fanno sì che il sistema nervoso regoli il tono muscolare e organizzi lo scheletro per essere allineato secondo direttrici di forza più economiche e funzionali rispetto alle proprie abitudini.